Cosa Facciamo2022-09-01T10:01:53+00:00

Accogliere le persone,
ascoltarne i bisogni,
proporre soluzioni

COSA FACCIAMO

Progettare il futuro

Progetti per la scuola e per il lavoro, ma anche per incrementare la capacità di costruire relazioni significative, fondamento per chi l’educazione la riceve e per chi è impegnato a fornirla.

Creare reti inclusive

I fattori di esclusione che possono impedire la piena integrazione di una persona nella comunità (abbandono scolastico, precedenti penali, dipendenze, difficoltà materiali e legali) si superano creando legami.

Accompagnare le persone

Accogliere le persone, ascoltarne i bisogni, proporre soluzioni: alle volte per poter ricominciare occorre prima affrontare quelle urgenze che impediscono di immaginare un progetto di vita.

I PROGETTI

I minori, i giovani e le famiglie, italiane o immigrate, sono il futuro di cui dobbiamo avere cura. Per questo crediamo importante intercettarne i bisogni e proporre soluzioni.

In questa sezione potete trovare progetti attivi e che stiamo finanziando ed altri che chiedono di essere realizzati. In entrambi i casi è possibile sostenerli per renderli ancora più efficaci o per attivarli.

Anche voi potete partecipare con il vostro sostegno: contattateci per chiedere maggiori dettagli e scoprire tutti i modi per sentirsi parte di questa grande impresa.

IN PRIMO PIANO

CREDITO AL FUTURO
CREDITO AL FUTURO

Ambito: Formazione e Lavoro

Descrizione: Programma realizzato con il sostegno di Intesa Sanpaolo per l’accompagnamento di giovani privi di mezzi in percorsi di sviluppo volti a potenziare le competenze trasversali – soft skills – e professionali necessarie per l’inserimento lavorativo.  L’obiettivo finale è quello di contribuire a eliminare, nell’area periferica di nostro riferimento, i fattori, anche familiari, che impediscono un pieno inserimento sociale e una vita autonoma. I ragazzi saranno affiancati da un tutor che li accompagnerà nel loro percorso, monitorandone l’andamento, le difficoltà e i progressi e interfacciandosi anche con l’azienda in cui verrà inserito.

Dopo un primo colloquio nel corso del quale faremo un’analisi del contesto famigliare e il bilancio delle competenze, il ragazzo potrà accedere al percorso più adatto secondo le sue competenze e esperienze precedenti:

  • palestra per il lavoro, per chi ha bisogno di insistere maggiormente sulle capacità generali indispensabili in ogni ambito lavorativo
  • corso di formazione professionale, per chi deve acquisire le competenze professionali necessarie all’inserimento lavorativo e immediatamente spendibili sul mercato del lavoro
  • tirocini presso aziende alleate o borse lavoro nei servizi esistenti presso la nostra struttura (ciclofficina, pasticceria,..)

Beneficiari: Giovani segnalati dall’USSM o attraverso i nostri servizi e progetti territoriali, e le loro famiglie

DIRITTO AL FUTURO
DIRITTO AL FUTURO

Ambito: Formazione

Descrizione: Sostegno a ragazzi in situazione di difficoltà socio-economica ma meritevoli di proseguire i propri studi attraverso l’erogazione di borse studio. Vengono coperti i costi necessari a garantire il percorso scolastico (ad es. iscrizione universitaria, libri e materiali scolastici, mensa, abbonamento mezzi,…) secondo un programma personalizzato in modo da non pesare sul già difficile bilancio economico famigliare.

Beneficiari: Giovani in situazione di difficoltà socio-economica meritevoli di continuare il proprio percorso di studi e le loro famiglie.

UNA CASA PER RICOMINCIARE
UNA CASA PER RICOMINCIARE

Ambito: Inclusione sociale

Descrizione: Il progetto prevede l’assegnazione temporanea per un periodo massimo di 18 mesi di dieci appartamenti di nuova costruzione in zona Ripamonti a Milano a persone che si trovano in un momento di fragilità per accompagnarle verso una soluzione più sicura e stabile. Gli ospiti saranno accompagnati durante la loro permanenza da un’equipe educativa formata da 2 educatori, 1 assistente sociale e 1 tutor che ne seguiranno il percorso fino al raggiungimento dell’autonomia lavorativa, economica e quindi abitativa.

Beneficiari: 10/12 nuclei familiari/persone che attraversano un momento di difficoltà con una particolare attenzione a nuclei familiari con due genitori o monoparentali, giovani coppie e ragazzi.

Ambito: Formazione e Lavoro

Descrizione: Programma realizzato con il sostegno di Intesa Sanpaolo per l’accompagnamento di giovani privi di mezzi in percorsi di sviluppo volti a potenziare le competenze trasversali – soft skills – e professionali necessarie per l’inserimento lavorativo.  L’obiettivo finale è quello di contribuire a eliminare, nell’area periferica di nostro riferimento, i fattori, anche familiari, che impediscono un pieno inserimento sociale e una vita autonoma. I ragazzi saranno affiancati da un tutor che li accompagnerà nel loro percorso, monitorandone l’andamento, le difficoltà e i progressi e interfacciandosi anche con l’azienda in cui verrà inserito.

Dopo un primo colloquio nel corso del quale faremo un’analisi del contesto famigliare e il bilancio delle competenze, il ragazzo potrà accedere al percorso più adatto secondo le sue competenze e esperienze precedenti:

  • palestra per il lavoro, per chi ha bisogno di insistere maggiormente sulle capacità generali indispensabili in ogni ambito lavorativo
  • corso di formazione professionale, per chi deve acquisire le competenze professionali necessarie all’inserimento lavorativo e immediatamente spendibili sul mercato del lavoro
  • tirocini presso aziende alleate o borse lavoro nei servizi esistenti presso la nostra struttura (ciclofficina, pasticceria,..)

Beneficiari: Giovani segnalati dall’USSM o attraverso i nostri servizi e progetti territoriali, e le loro famiglie

Ambito: Formazione

Descrizione: Sostegno a ragazzi in situazione di difficoltà socio-economica ma meritevoli di proseguire i propri studi attraverso l’erogazione di borse studio. Vengono coperti i costi necessari a garantire il percorso scolastico (ad es. iscrizione universitaria, libri e materiali scolastici, mensa, abbonamento mezzi,…) secondo un programma personalizzato in modo da non pesare sul già difficile bilancio economico famigliare.

Beneficiari: Giovani in situazione di difficoltà socio-economica meritevoli di continuare il proprio percorso di studi e le loro famiglie.

Ambito: Inclusione sociale

Descrizione: Il progetto prevede l’assegnazione temporanea per un periodo massimo di 18 mesi di dieci appartamenti di nuova costruzione in zona Ripamonti a Milano a persone che si trovano in un momento di fragilità per accompagnarle verso una soluzione più sicura e stabile. Gli ospiti saranno accompagnati durante la loro permanenza da un’equipe educativa formata da 2 educatori, 1 assistente sociale e 1 tutor che ne seguiranno il percorso fino al raggiungimento dell’autonomia lavorativa, economica e quindi abitativa.

Beneficiari: 10/12 nuclei familiari/persone che attraversano un momento di difficoltà con una particolare attenzione a nuclei familiari con due genitori o monoparentali, giovani coppie e ragazzi.

CASA-COMUNITÀ DI TRENNO
CASA-COMUNITÀ DI TRENNO

Ambito: Inclusione sociale

Descrizione: La CASA-COMUNITÀ TRENNO è una piccola cascina vicino al parco di Trenno dove Don Gino offre personalmente ospitalità a chi – spesso appena uscito dal carcere minorile Beccaria – non sa dove andare a dormire. Vengono messe a disposizione le stanze “in più” a chi si trova in difficoltà, a chi deve trovare un tetto per cominciare una nuova vita.

La casa-comunità ha due bisogni: uno continuativo nel tempo, legato ai costi ordinari di una vita in condivisione (utenze, cibo e vestiti); uno contingente, legato al bisogno di rinnovare gli arredi, ormai rovinati, dopo tanti anni e tanti ospiti transitati.

Beneficiari: Giovani in difficoltà e senza alternative abitative, alcuni dei quali appena usciti dal carcere.

LABORATORIO ESPRESSIVO/CREATIVO
LABORATORIO ESPRESSIVO/CREATIVO

Ambito: Formazione

Descrizione: Realizzato da “C.C.T.E. – Zona 5”, da molti anni è una delle poche realtà di quartiere che riesce ad offrire uno spazio di aggregazione e animazione in un quartiere alquanto desolato.

Beneficiari: Bambini, giovani e adulti che vivono in Zona 5 a Milano.

CENTRO DIURNO AZIMUTH
CENTRO DIURNO AZIMUTH

Ambito: Dipendenze

Descrizione: Azimuth è un servizio semi-residenziale terapeutico-riabilitativo, non a pagamento, aperto tutti i giorni feriali dalle ore 9.00 alle ore 17.00. È possibile accedere attraverso una certificazione di dipendenza da sostanze lecite e illecite rilasciata da un SerD, da uno SMI o da un NOA. È ubicato nel quartiere QT8 di Milano, di recente riconosciuto come quartiere di interesse culturale e sottoposto a vincolo paesaggistico. Può accogliere 16 persone maggiorenni e di entrambi i sessi. Si rivolge a persone che hanno problematiche di dipendenza, anche se utilizzano farmaci sostitutivi, anche in misura alternativa alla detenzione.

Azimuth offre un programma terapeutico individualizzato, nel rispetto degli obiettivi, dei tempi, delle risorse, delle criticità e delle fragilità di ciascuno. È un servizio per persone con problemi di dipendenza che offre esperienze e opportunità che promuovono il “cambiamento” e rinforzano le possibilità di scegliere consapevolmente.

Agli ospiti viene offerto un “quotidiano protetto” dove, dopo aver interrotto l’uso di sostanze, possano imparare a conoscersi e a sperimentarsi nelle relazioni, con nuovi modelli e stili di vita.

Beneficiari: 20 persone tra i 18 e i 50 anni con certificazione di tossicodipendenza

Ambito: Inclusione sociale

Descrizione: La CASA-COMUNITÀ TRENNO è una piccola cascina vicino al parco di Trenno dove Don Gino offre personalmente ospitalità a chi – spesso appena uscito dal carcere minorile Beccaria – non sa dove andare a dormire. Vengono messe a disposizione le stanze “in più” a chi si trova in difficoltà, a chi deve trovare un tetto per cominciare una nuova vita.

La casa-comunità ha due bisogni: uno continuativo nel tempo, legato ai costi ordinari di una vita in condivisione (utenze, cibo e vestiti); uno contingente, legato al bisogno di rinnovare gli arredi, ormai rovinati, dopo tanti anni e tanti ospiti transitati.

Beneficiari: Giovani in difficoltà e senza alternative abitative, alcuni dei quali appena usciti dal carcere.

Ambito: Formazione

Descrizione: Realizzato da “C.C.T.E. – Zona 5”, da molti anni è una delle poche realtà di quartiere che riesce ad offrire uno spazio di aggregazione e animazione in un quartiere alquanto desolato.

Beneficiari: Bambini, giovani e adulti che vivono in Zona 5 a Milano.

Ambito: Dipendenze

Descrizione: Azimuth è un servizio semi-residenziale terapeutico-riabilitativo, non a pagamento, aperto tutti i giorni feriali dalle ore 9.00 alle ore 17.00. È possibile accedere attraverso una certificazione di dipendenza da sostanze lecite e illecite rilasciata da un SerD, da uno SMI o da un NOA. È ubicato nel quartiere QT8 di Milano, di recente riconosciuto come quartiere di interesse culturale e sottoposto a vincolo paesaggistico. Può accogliere 16 persone maggiorenni e di entrambi i sessi. Si rivolge a persone che hanno problematiche di dipendenza, anche se utilizzano farmaci sostitutivi, anche in misura alternativa alla detenzione.

Azimuth offre un programma terapeutico individualizzato, nel rispetto degli obiettivi, dei tempi, delle risorse, delle criticità e delle fragilità di ciascuno. È un servizio per persone con problemi di dipendenza che offre esperienze e opportunità che promuovono il “cambiamento” e rinforzano le possibilità di scegliere consapevolmente.

Agli ospiti viene offerto un “quotidiano protetto” dove, dopo aver interrotto l’uso di sostanze, possano imparare a conoscersi e a sperimentarsi nelle relazioni, con nuovi modelli e stili di vita.

Beneficiari: 20 persone tra i 18 e i 50 anni con certificazione di tossicodipendenza

CENTRO PER GIOVANI “ERMANNO OLMI”
CENTRO PER GIOVANI “ERMANNO OLMI”

Ambito: Protagonismo giovanile

Descrizione: Il Centro Per Giovani “Ermanno Olmi” in Piazza Olivelli a Milano è un centro di aggregazione giovanile (CAG) aperto 5 giorni a settimana. Le attività sono rivolte ai più giovani ed alle loro famiglie e vengono progettate in base alla lettura dei bisogni ed insieme ai ragazzi. Centrale è il lavoro sulla relazione, intesa come strumento e obiettivo, a partire dalla quale si promuovono l’inclusione e l’aggregazione dei ragazzi per sviluppare competenze e accompagnarli nel percorso verso I'”adultità” educandoli all’errore ed alla fiducia in se stessi. Nell’ultimo anno, caratterizzato da isolamento e chiusura provocati dalla pandemia, si è lavorato molto sul supporto scolastico, accidentato da continui cambi di setting e dalla distanza, e sull’importanza di mantenere attivi spazi di socializzazione e luoghi fisici o virtuali di ascolto, con l’obiettivo di combattere la dispersione scolastica, l’inattività e l’isolamento sociale.

Beneficiari: 80/90 ragazzi e ragazze, principalmente preadolescenti, adolescenti e giovani che provengono dai quartieri limitrofi (Inganni, Forze Armate, Baggio, Lorenteggio e Selinunte), quasi tutti nati in Italia ma le cui famiglie hanno un background migratorio esterno (il paese di origine più frequente è l’Egitto ma anche Filippine, Tunisia, Marocco, Romania, Senegal… ) o interno (dal Sud al Nord Italia) mentre, una piccola percentuale, è di recente arrivo in Italia.

HOUSING SOCIALE
HOUSING SOCIALE

Ambito: Inclusione sociale

Descrizione: Accoglienza abitativa temporanea di persone svantaggiate in unità abitatative distribuite nei quartieri di Giambellino e San Siro a Milano. Con ciascuna delle persone o famiglie inserite viene formalizzato un contratto di ospitalità che garantisce l’accesso al diritto di residenza e all’eventuale permesso di soggiorno, al diritto alla salute e ai servizi sociali territoriali. Tutti gli ospiti vengono accompagnati dagli educatori con l’obiettivo di migliorare le proprie condizioni personali e sociali e definire i tempi di utilizzo dell’abitazione, indicativamente non superiore ai 2 anni.

Beneficiari: 41 ospiti a rischio emarginazione o con scarse risorse personali: ex alcolisti ed ex tossicodipendenti, donne sole con minori a carico, immigrati che incontrano gravi difficoltà nella ricerca di un alloggio, nuclei familiari con problematiche a rilevanza socio­economica, ex detenuti o giovani che non percepiscono ancora un reddito sufficiente al proprio mantenimento e necessitano di un accompagnamento verso l’autonomia.

PROGETTO CARCERE
PROGETTO CARCERE

Ambito: Inclusione sociale

Descrizione: Percorsi di sostegno della vulnerabilità per i minori e i giovani adulti detenuti nell’Istituto Penale Minorile (IPM) “Beccaria” di Milano con l’obiettivo di aumentare la capacità di personalizzazione della presa in carico (cuore e asse portante su cui si sviluppa il percorso educativo dei detenuti), ampliando e mettendo a sistema i percorsi di inclusione sociale possibili tramite percorsi modulari complementari e/o alternativi che incorporino nella loro progettazione Polizia Penitenziaria, educatori, psicologi, formatori ed operatori del terzo settore e degli enti territoriali presenti in IPM.

In particolare:

  • Presa in carico integrata
  • Accompagnamento educativo del minore durante la detenzione
  • Gestione educativa delle dinamiche di gruppo nelle sezioni penali

Beneficiari: 100 minori o giovani adulti sottoposti a provvedimenti dell’autorità giudiziaria che in un anno entrano in Istituto. La presenza media nei diversi gruppi è di 30 persone.

Ambito: Protagonismo giovanile

Descrizione: Il Centro Per Giovani “Ermanno Olmi” in Piazza Olivelli a Milano è un centro di aggregazione giovanile (CAG) aperto 5 giorni a settimana. Le attività sono rivolte ai più giovani ed alle loro famiglie e vengono progettate in base alla lettura dei bisogni ed insieme ai ragazzi. Centrale è il lavoro sulla relazione, intesa come strumento e obiettivo, a partire dalla quale si promuovono l’inclusione e l’aggregazione dei ragazzi per sviluppare competenze e accompagnarli nel percorso verso I'”adultità” educandoli all’errore ed alla fiducia in se stessi. Nell’ultimo anno, caratterizzato da isolamento e chiusura provocati dalla pandemia, si è lavorato molto sul supporto scolastico, accidentato da continui cambi di setting e dalla distanza, e sull’importanza di mantenere attivi spazi di socializzazione e luoghi fisici o virtuali di ascolto, con l’obiettivo di combattere la dispersione scolastica, l’inattività e l’isolamento sociale.

Beneficiari: 80/90 ragazzi e ragazze, principalmente preadolescenti, adolescenti e giovani che provengono dai quartieri limitrofi (Inganni, Forze Armate, Baggio, Lorenteggio e Selinunte), quasi tutti nati in Italia ma le cui famiglie hanno un background migratorio esterno (il paese di origine più frequente è l’Egitto ma anche Filippine, Tunisia, Marocco, Romania, Senegal… ) o interno (dal Sud al Nord Italia) mentre, una piccola percentuale, è di recente arrivo in Italia.

Ambito: Inclusione sociale

Descrizione: Accoglienza abitativa temporanea di persone svantaggiate in unità abitatative distribuite nei quartieri di Giambellino e San Siro a Milano. Con ciascuna delle persone o famiglie inserite viene formalizzato un contratto di ospitalità che garantisce l’accesso al diritto di residenza e all’eventuale permesso di soggiorno, al diritto alla salute e ai servizi sociali territoriali. Tutti gli ospiti vengono accompagnati dagli educatori con l’obiettivo di migliorare le proprie condizioni personali e sociali e definire i tempi di utilizzo dell’abitazione, indicativamente non superiore ai 2 anni.

Beneficiari: 41 ospiti a rischio emarginazione o con scarse risorse personali: ex alcolisti ed ex tossicodipendenti, donne sole con minori a carico, immigrati che incontrano gravi difficoltà nella ricerca di un alloggio, nuclei familiari con problematiche a rilevanza socio­economica, ex detenuti o giovani che non percepiscono ancora un reddito sufficiente al proprio mantenimento e necessitano di un accompagnamento verso l’autonomia.

Ambito: Inclusione sociale

Descrizione: Percorsi di sostegno della vulnerabilità per i minori e i giovani adulti detenuti nell’Istituto Penale Minorile (IPM) “Beccaria” di Milano con l’obiettivo di aumentare la capacità di personalizzazione della presa in carico (cuore e asse portante su cui si sviluppa il percorso educativo dei detenuti), ampliando e mettendo a sistema i percorsi di inclusione sociale possibili tramite percorsi modulari complementari e/o alternativi che incorporino nella loro progettazione Polizia Penitenziaria, educatori, psicologi, formatori ed operatori del terzo settore e degli enti territoriali presenti in IPM.

In particolare:

  • Presa in carico integrata
  • Accompagnamento educativo del minore durante la detenzione
  • Gestione educativa delle dinamiche di gruppo nelle sezioni penali

Beneficiari: 100 minori o giovani adulti sottoposti a provvedimenti dell’autorità giudiziaria che in un anno entrano in Istituto. La presenza media nei diversi gruppi è di 30 persone.

SCUOLA DI CITTADINANZA AL BARRIO'S
SCUOLA DI CITTADINANZA AL BARRIO'S

Ambito: Protagonismo giovanile

Descrizione: Sostegno ai percorsi di inclusione sociale di italiani e migranti e ai servizi alla persona per minori e adulti. In particolare:

  • Sostegno scolastico per favorire il positivo inserimento nella realtà sociale e culturale dei minori, prevenire la dispersione scolastica promuovendo le loro risorse ed attivando interventi di mediazione tra i minori, le famiglie e la scuola, laddove fosse richiesta. Il progetto propone l’attivazione del doposcuola 5 giorni alla settimana, coinvolgendo giovani delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado.
  • Centro estivo, attivo nei mesi di giungo e luglio cinque giorni alla settimana, vede accanto all’attività scolastica dei compiti delle vacanze la proposta di laboratori, momenti di gioco, uscite in piscina o al museo o gite alla scoperta della città con l’obiettivo di promuovere la relazione tra pari, favorendo strumenti di apprendimento della lingua, di conoscenza di culture e di superamento di “diffidenze”.
  • Alfabetizzazione informatica ed educazione ai media per potenziare lo sviluppo sociale delle persone andando a colmare divari che caratterizzano zone diverse delle nostre città o diversi strati sociali nello stesso quartiere.
  • Supporto Educativo nell’ambito delle attività culturali, con l’obiettivo di accompagnare i minori alla conoscenza di sé attraverso i linguaggi artistici, in particolare quello teatrale, musicale, letterario e dell’arte visiva.

Beneficiari: Minori e giovani dai 6 ai 20 anni e le loro famiglie, provenienti in particolare dal quartiere Barona di Milano e dalla periferia sud-ovest della città.

SEGRETARIATO SOCIALE
SEGRETARIATO SOCIALE

Ambito: Inclusione sociale

Descrizione: Spazio di ascolto, informazione, orientamento, relazione e accompagnamento delle persone e delle famiglie in situazione di fragilità socio economica, con particolare attenzione a quelle in cui è localizzato il Servizio (quartiere Giambellino -Lorenteggio e Municipio 6 Milano).

L’obiettivo del progetto è offrire una “presa in carico” a 360° a partire dalla creazione di una relazione educativa di fiducia fra operatori e interlocutori per accompagnare gli individui e i nuclei familiari ad una situazione di maggior benessere, autonomia ed integrazione sociale.

In particolare:

  • distribuzione di beni di prima necessità (alimenti, abiti, coperte, detergenti per l’igiene personale)
  • orientamento per le modalità di rateizzazione delle spese insolute, per la richiesta di alloggi di affitto calmierato, temporanei o di case popolari
  • consulenza legale per l’ottenimento di permessi di soggiorno o per ricongiungimenti familiari
  • ricerca attiva del lavoro

Beneficiari: Persone e/o famiglie con basso reddito in situazione di precarietà sociale, abitativa, lavorativa

INSIEME PER GLI ALTRI
INSIEME PER GLI ALTRI

Ambito: Partecipazione giovanile, formazione e lavoro, inclusione sociale

Descrizione: Promuovere la partecipazione degli adolescenti, dei giovani e delle loro famiglie alla vita sociale e di comunità dei territori in cui abitano, in una logica di protagonismo e assunzione di responsabilità rispetto a situazioni di vulnerabilità, disuguaglianza e discriminazione.

Offrire opportunità di sensibilizzazione, formazione e attivazione che siano esperienze di crescita e trasformative per i e le giovani coinvolti e, nel lungo termine, per le loro comunità. Promuovendo esperienze intensive, di gruppo e incentrate su cause sentite dai giovani, BIR intende facilitare l’assunzione di consapevolezza di loro stessi dei partecipanti, anche tramite la peer-education.

Beneficiari: Giovani dell’area metropolitana di Milano e altre aree del territorio lombardo – circa 1000 di cui 100 con minori opportunità.

Ambito: Protagonismo giovanile

Descrizione: Sostegno ai percorsi di inclusione sociale di italiani e migranti e ai servizi alla persona per minori e adulti. In particolare:

  • Sostegno scolastico per favorire il positivo inserimento nella realtà sociale e culturale dei minori, prevenire la dispersione scolastica promuovendo le loro risorse ed attivando interventi di mediazione tra i minori, le famiglie e la scuola, laddove fosse richiesta. Il progetto propone l’attivazione del doposcuola 5 giorni alla settimana, coinvolgendo giovani delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado.
  • Centro estivo, attivo nei mesi di giungo e luglio cinque giorni alla settimana, vede accanto all’attività scolastica dei compiti delle vacanze la proposta di laboratori, momenti di gioco, uscite in piscina o al museo o gite alla scoperta della città con l’obiettivo di promuovere la relazione tra pari, favorendo strumenti di apprendimento della lingua, di conoscenza di culture e di superamento di “diffidenze”.
  • Alfabetizzazione informatica ed educazione ai media per potenziare lo sviluppo sociale delle persone andando a colmare divari che caratterizzano zone diverse delle nostre città o diversi strati sociali nello stesso quartiere.
  • Supporto Educativo nell’ambito delle attività culturali, con l’obiettivo di accompagnare i minori alla conoscenza di sé attraverso i linguaggi artistici, in particolare quello teatrale, musicale, letterario e dell’arte visiva.

Beneficiari: Minori e giovani dai 6 ai 20 anni e le loro famiglie, provenienti in particolare dal quartiere Barona di Milano e dalla periferia sud-ovest della città.

Ambito: Inclusione sociale

Descrizione: Spazio di ascolto, informazione, orientamento, relazione e accompagnamento delle persone e delle famiglie in situazione di fragilità socio economica, con particolare attenzione a quelle in cui è localizzato il Servizio (quartiere Giambellino -Lorenteggio e Municipio 6 Milano).

L’obiettivo del progetto è offrire una “presa in carico” a 360° a partire dalla creazione di una relazione educativa di fiducia fra operatori e interlocutori per accompagnare gli individui e i nuclei familiari ad una situazione di maggior benessere, autonomia ed integrazione sociale.

In particolare:

  • distribuzione di beni di prima necessità (alimenti, abiti, coperte, detergenti per l’igiene personale)
  • orientamento per le modalità di rateizzazione delle spese insolute, per la richiesta di alloggi di affitto calmierato, temporanei o di case popolari
  • consulenza legale per l’ottenimento di permessi di soggiorno o per ricongiungimenti familiari
  • ricerca attiva del lavoro

Beneficiari: Persone e/o famiglie con basso reddito in situazione di precarietà sociale, abitativa, lavorativa

Ambito: Partecipazione giovanile, formazione e lavoro, inclusione sociale

Descrizione: Promuovere la partecipazione degli adolescenti, dei giovani e delle loro famiglie alla vita sociale e di comunità dei territori in cui abitano, in una logica di protagonismo e assunzione di responsabilità rispetto a situazioni di vulnerabilità, disuguaglianza e discriminazione.

Offrire opportunità di sensibilizzazione, formazione e attivazione che siano esperienze di crescita e trasformative per i e le giovani coinvolti e, nel lungo termine, per le loro comunità. Promuovendo esperienze intensive, di gruppo e incentrate su cause sentite dai giovani, BIR intende facilitare l’assunzione di consapevolezza di loro stessi dei partecipanti, anche tramite la peer-education.

Beneficiari: Giovani dell’area metropolitana di Milano e altre aree del territorio lombardo – circa 1000 di cui 100 con minori opportunità.

SPAZI PER CRESCERE
SPAZI PER CRESCERE

Ambito: Infanzia e famiglia, Cooperazione

Descrizione: Il progetto – in linea con lo sforzo pluridecennale di BIR per i diritti dei minori in Romania e per la lotta all’abbandono dei minori – intende promuovere iniziative di sostegno a bambini e famiglie che vivono in condizioni di vulnerabilità in Romania, supportando servizi fondamentali per il benessere dei minori in diverse aree della Romania. Tra questi troviamo: case-famiglia, appartamenti sociali di seconda accoglienza e un centro diurno per minori in difficoltà.

Vengono attivate inoltre azioni di supporto e sessioni di capacity building per le organizzazioni partner in Romania per garantire una maggiore sostenibilità a livello locale dei servizi per il futuro.

Beneficiari:

  • Bambini/e in stato di bisogno di una struttura residenziale a Ramnicu Valcea
  • Ragazze in stato di bisogno di una struttura residenziale a Ramnicu Valcea
  • Bambini/e in condizione di vulnerabilità e a rischio di abbandono scolastico a Bucarest
  • Famiglie in stato di fragilità e comunità del quartiere di Obor a Bucarest
TOGETHER WE CARE
TOGETHER WE CARE

Ambito: Partecipazione giovanile, cooperazione

Descrizione: Il progetto “Together We Care” si propone di sostenere attività di volontariato, partecipazione e protagonismo giovanile a beneficio di giovani italiani, romeni e moldavi. Il progetto rientra all’interno dei programmi di mobilità internazionale per giovani offerti da BIR a giovani italiani ed europei.

Il progetto si divide in tre macro-azioni:

  • Campi estivi/invernali di volontariato in diversi contesti di bisogno in Romania, Repubblica Moldova e Italia (quali istituti per minori, centri diurni, villaggi rurali e istituti penali minorili) a favore di minori in condizioni di vulnerabilità
  • Sostegno e formazione per gruppo di volontari locali in Romania e Repubblica Moldova
  • Formazione comune e scambio di buone pratiche: attraverso questa azione ci piacerebbe creare occasioni di scambio e formazione comune tra i volontari ma anche tra gli staff delle diverse organizzazioni coinvolte.

Beneficiari:

  • Volontari di BIR e giovani in Italia (principalmente in Lombardia)
  • Volontari dei partner di BIR e giovani in Romania e Rep. Moldova
  • Minori di istituti per minori, centri diurni, villaggi rurali e istituti penali minorili
  • Comunità che abitano i luoghi dove vengono svolte attività di volontariato
TEATRO PUNTOZERO
TEATRO PUNTOZERO

Ambito: Inclusione sociale e migranti

Descrizione: Il progetto Teatro Puntozero si trova all’interno dell’Istituto Penale Minorile C. Beccaria e vuole offrire l’occasione a ragazzi sottoposti a provvedimenti della Giustizia Penale Minorile di sperimentarsi in un contesto professionale tramite la realizzazione di produzioni artistiche e multimediali in qualità di attori, musicisti e tecnici. Per favorire la vita “fuori dalla cella” Puntozero propone sessioni di attività di 8-12 ore al giorno. Tra gli obiettivi del progetto:

  • ampliare l’offerta formativa a favore dei giovani sottoposti a provvedimenti penali;
  • favorire lo sviluppo di un centro culturale all’interno del carcere minorile;
  • promuovere un processo di alfabetizzazione digitale e introdurre all’uso di internet

Beneficiari: Giovani sottoposti a provvedimenti della Giustizia Penale Minorile.

Ambito: Infanzia e famiglia, Cooperazione

Descrizione: Il progetto – in linea con lo sforzo pluridecennale di BIR per i diritti dei minori in Romania e per la lotta all’abbandono dei minori – intende promuovere iniziative di sostegno a bambini e famiglie che vivono in condizioni di vulnerabilità in Romania, supportando servizi fondamentali per il benessere dei minori in diverse aree della Romania. Tra questi troviamo: case-famiglia, appartamenti sociali di seconda accoglienza e un centro diurno per minori in difficoltà.

Vengono attivate inoltre azioni di supporto e sessioni di capacity building per le organizzazioni partner in Romania per garantire una maggiore sostenibilità a livello locale dei servizi per il futuro.

Beneficiari:

  • Bambini/e in stato di bisogno di una struttura residenziale a Ramnicu Valcea
  • Ragazze in stato di bisogno di una struttura residenziale a Ramnicu Valcea
  • Bambini/e in condizione di vulnerabilità e a rischio di abbandono scolastico a Bucarest
  • Famiglie in stato di fragilità e comunità del quartiere di Obor a Bucarest

Ambito: Partecipazione giovanile, cooperazione

Descrizione: Il progetto “Together We Care” si propone di sostenere attività di volontariato, partecipazione e protagonismo giovanile a beneficio di giovani italiani, romeni e moldavi. Il progetto rientra all’interno dei programmi di mobilità internazionale per giovani offerti da BIR a giovani italiani ed europei.

Il progetto si divide in tre macro-azioni:

  • Campi estivi/invernali di volontariato in diversi contesti di bisogno in Romania, Repubblica Moldova e Italia (quali istituti per minori, centri diurni, villaggi rurali e istituti penali minorili) a favore di minori in condizioni di vulnerabilità
  • Sostegno e formazione per gruppo di volontari locali in Romania e Repubblica Moldova
  • Formazione comune e scambio di buone pratiche: attraverso questa azione ci piacerebbe creare occasioni di scambio e formazione comune tra i volontari ma anche tra gli staff delle diverse organizzazioni coinvolte.

Beneficiari:

  • Volontari di BIR e giovani in Italia (principalmente in Lombardia)
  • Volontari dei partner di BIR e giovani in Romania e Rep. Moldova
  • Minori di istituti per minori, centri diurni, villaggi rurali e istituti penali minorili
  • Comunità che abitano i luoghi dove vengono svolte attività di volontariato

Ambito: Inclusione sociale e migranti

Descrizione: Il progetto Teatro Puntozero si trova all’interno dell’Istituto Penale Minorile C. Beccaria e vuole offrire l’occasione a ragazzi sottoposti a provvedimenti della Giustizia Penale Minorile di sperimentarsi in un contesto professionale tramite la realizzazione di produzioni artistiche e multimediali in qualità di attori, musicisti e tecnici. Per favorire la vita “fuori dalla cella” Puntozero propone sessioni di attività di 8-12 ore al giorno. Tra gli obiettivi del progetto:

  • ampliare l’offerta formativa a favore dei giovani sottoposti a provvedimenti penali;
  • favorire lo sviluppo di un centro culturale all’interno del carcere minorile;
  • promuovere un processo di alfabetizzazione digitale e introdurre all’uso di internet

Beneficiari: Giovani sottoposti a provvedimenti della Giustizia Penale Minorile.

 
VAI ALL’ ARCHIVIO 2017
VAI ALL’ ARCHIVIO 2018
VAI ALL’ ARCHIVIO 2019
VAI ALL’ ARCHIVIO 2020
VAI ALL’ ARCHIVIO 2021